Home » Come si vive a bordo?

Se fa caldo…

La stagione estiva rappresenta, per molti utenti, il periodo preferito per utilizzare il veicolo ricreazionale: un buon numero di ore di luce, temperature miti e buone possibilità di incontrare tempo favorevole giustificano questa scelta.

Le alte temperature e i raggi del sole, però, possono essere anche fastidiosi. Vediamo, dunque, quali stratagemmi possiamo adottare per combattere efficacemente il caldo in sosta….

  • Nella scelta del luogo di sosta, privilegiamo posti ombreggiati: sfruttiamo l’ombra di piante e alberi per evitare che i raggi del sole colpiscano direttamente il veicolo
  • Creaiamo sempre una opportuna aerazione: far circolare l’aria, infatti, è fondamentale. In sosta, quindi, sfruttiamo adeguatamente gli oblò a tetto e le finestre  in modo da permettere un efficace ricambio dell’aria.
  • Se ci troviamo sotto il sole, cerchiamo di ridurre il più possibile la penetrazione di raggi solari all’interno del veicolo: sfruttiamo quindi tende e oscuranti sempre però avendo cura di lasciare un minimo di circolazione dell’aria tra finestrino e interno. Non lasciare MAI gli oscuranti completamente chiusi sotto il sole: le elevate temperature raggiunte dalla “camera” compresa tra finestrino e telo oscurante possono danneggiare significativamente la lastra di metacrilato trasparente!
  • Accertiamoci che il frigorifero sia adeguatamente alimentato (a gas o a elettricità), sia regolato sulla massima capacità refrigerante e che al suo interno vi sia una opportuna scorta di bevande fresche dissetanti
  • Sempre all’interno del frigo, accertiamoci che non vi sia nulla che va ad occludere la propagazione del freddo originato dalle apposite alette
  • Controlliamo che il frigo sia chiuso bene, onde evitare pericolose dispersioni.
  • Se ci troviamo in sosta in un luogo che lo consente (area sosta, campeggio), possiamo sfruttare la veranda: prima di parcheggiare il camper, quindi, cerchiamo di capire bene quale posizione risulti più opportuna per sfruttare al meglio l’ombra generata dal tendalino.
  • Cerchiamo, nel limite del possibile, di avere sempre a bordo un’autonomia di acqua sufficiente per fare una rinfrescante doccia.

e in viaggio

  • se il veicolo ne è dotato, sfruttiamo l’aria condizionata della meccanica di base: dato che non è preventivata per rinfrescare l’intera cellula abitativa ma è pensata per i ridotti volumi della cabina di guida, cerchiamo di regolare al meglio l’erogazione dell’aria fresca in modo che possa giungere, almeno in parte, anche nell’abitacolo.
  • se si utilizza il clima, accertiamoci che finestrini e oblò siano tutti perfettamente chiusi
  • controlliamo che l’alimentazione del frigorifero sia attivata
  • teniamo sotto controllo i consumi di carburante: con il clima inserito, infatti, al motore sarà richiesto uno sforzo supplementare per azionarne il compressore

Lascia la tua risposta!

Aggiungi il tuo commento, o riportalo dal tuo sito. Puoi anche sottoscrivere questi commenti via RSS.

Sii educato. Resta in tema. No spam.

Puoi usare questi tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>