Home » Come si prepara?

Il gas

La riserva di gas è fondamentale: tramite questo combustibile, infatti, sono alimentati il frigorifero trivalente, i fornelli, il forno a gas (se presente) e, naturalmente, l’impianto di riscaldamento e il boiler.

La stragrande maggioranza dei veicoli in circolazione e, dunque, utilizzati per il noleggio, dispone di un vano esterno capace di contenere due bombole del gas da 10 kg ciascuna. Dotate di attacco a vite italiano (identico a quello domestico), sono collegate ai riduttori di pressione e, tramite questi, all’impianto del veicolo.

Al ritiro del veicolo, quindi, accertiamoci che il noleggiatore abbia fornito almeno una bombola di gas: a seconda della lunghezza del periodo di noleggio, assicuriamoci di avere gas a sufficienza!

In estate, se il gas alimenta soltanto frigorifero e fornelli, due bombole da 10 kg coprono agevolmente un periodo piuttosto lungo, anche di un mese, garantendo adeguata autonomia anche per le volte in cui si deciderà di utilizzare il boiler per sfruttare la doccia del camper. Viceversa, in pieno inverno, le temperature rigide e la conseguente necessità di utilizzare l’impianto di riscaldamento a tempo pieno incidonono sensibilmente sui consumi e, quindi, sull’autonomia disponibile. Una bombola di gas da 10 kg, con temperature sempre sottozero, può alimentare una stufa da 6kW di potenza e tramite questa riscaldare un veicolo di 7 mentri di lunghezza per un tempo che va dai 2 ai 4 giorni a seconda delle temperature esterne da fronteggiare.

Le bombole del gas devono essere chiuse in viaggio a meno che sul veicolo sia presente l’interruttore inerziale Secumotion: chiediamo perciò al noleggiatore circa la sua presenza. Nel caso non sia presente, prima di partire è opportuno chiudere la bombola del gas collegata agendo sull’apposita valvola: si tratta di una banale chiusura a vite, il cui serraggio avviene in senso orario.

Assicuriamoci che le bombole siano adeguatamente fissate ai supporti: solitamente sono presenti due cinghie da unire tramite velcro e che servono a bloccare la bombola contro l’apposito fermo circolare.

Ogni veicolo, poi, è dotato di rubinetti sezionatori dell’impianto a gas: solitamente posizionati nella parte inferiore dell’armadio guardaroba o del blocco cucina, devono essere chiusi prima di partire: per procedere al loro serraggio è sufficiente ruotarli in posizione trasversale rispetto al tubo del gas sul quale sono posti.

Allo stesso modo, una volta arrivati a destinazione e prima di procedere all’accensione delle utenze (frigo, riscaldamento…), sarà necessario aprire la bombola del gas e aprire i sopracitati sezionatori in modo da permettere l’erogazione del carburante agli elettrodomestici.

Come ovvio, non scollegare mai una bombola prima di averla adeguatamente chiusa: la sostituzione della bombola, inoltre, presuppone l’utilizzo dell’apposita chiave che permette un adeguato serraggio del dado di collegamento. Nel caso si avvertisse odore di gas, chiudere immediatamente le valvole dell’impianto e controllare lo stato e la presenza delle guarnizioni sul raccordo bombola/riduttore di pressione e, se necessario, sostituirle.

A seconda della stagione, assicuriamoci di avere il combustibile adatto! In inverno utilizziamo esclusivamente gas propano, assicura la possibilità di utilizzo delle utenze a temperature polari (fino a -40°C), mentre in estate è possibile utilizzare il più comune butano, più facile da reperire ma inadatto a temperature sottozero.

Lascia la tua risposta!

Aggiungi il tuo commento, o riportalo dal tuo sito. Puoi anche sottoscrivere questi commenti via RSS.

Sii educato. Resta in tema. No spam.

Puoi usare questi tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>